Artemide: illuminazione di design con uno sguardo etico

Artemide comincia la sua storia nel mondo del design negli anni Sessanta, con un progetto all’avanguardia capace di coniugare illuminazione e innovazione. Una realtà di eccellenza del Made in Italy che da sempre ha saputo distinguersi grazie alla filosofia innovativa dei suoi designer basata sul concetto di “The Human and Responsible Light e a modelli brevettati che hanno fatto storia nell’ambito internazionale.

Artemide: la storia del brand

Sono gli anni del boom economico e precisamente il 1959. Ernesto Gismondi, ingegnere e designer, fonda la sua azienda con un nome evocativo, Artemide appunto, insieme a Sergio Mazza, anche lui designer. La sede è a Pregnana Milanese ma nel giro di poco tempo sono diversi gli showroom che vengono aperti in tutto il mondo.

Gismondi si afferma presto, grazie al suo talento e alla visione innovativa, come designer internazionale, ideando e partecipando al movimento avanguardistico Memphis, il quale ha cambiato profondamente l’evoluzione del design, in Italia e non solo.

È sotto la sua guida che il Gruppo Artemide si afferma, diventando leader, già nel giro di pochi anni, nel settore dell’illuminazione di design, ottenendo riconoscimenti importanti e prestigiosi in tutto il mondo. L’attività di Gismondi è coronata dal Premio Compasso d’Oro alla Carriera (1994) e dall’European Design Prize (1997).

Artemide si conferma, nel corso degli anni, estremamente all’avanguardia con collaborazioni di eccellenza con designer del calibro di Issey Miyake e Herzog & De Meuron. Attualmente è presente in 98 Paesi.

La produzione è realizzata in Italia, Francia, Ungheria e Canada, con il supporto di 2 vetrerie, una struttura di Ricerca e Innovazione, per un totale di 750 dipendenti di cui 60 specializzati nelle attività di R&S. Il brand conferma i valori di innovazione e indagine socio-culturale che da sempre lo hanno caratterizzato, illuminando il futuro con il design iconico che lo ha reso celebre fin dagli inizi.

Sostenibilità e innovazione

Le collaborazioni di Artemide con designer di assoluto livello si affiancano alla ricerca dei nuovi talenti emergenti, con le partnership insieme alle più importanti realtà universitarie italiane e internazionali.

Artemide si distingue, oltre che per l’approccio futuristico e innovativo, per un’attenzione legata proprio al valore che presenta un approccio umanistico ed etico fondato sulla sostenibilità. Un concetto ben espresso nel pensiero di “The Human and Responsible Light”, per un’illuminazione straordinaria sotto tutti i punti di vista. La ricerca è quindi, non solo innovazione di per sé, ma anche sostenibilità.

I pezzi iconici di Artemide

Sono davvero tanti i brevetti di invenzione che sono stati riconosciuti nel corso degli anni ad Artemide per le sue innovazioni tecnologiche, meccaniche ed optoelettroniche, 10 dei quali depositati nel solo 2016.

Tra i prodotti che hanno fatto la storia del design vi segnaliamo Eclisse (Vico Magistretti, 1967), Tolomeo (Michele De Lucchi e Giancarlo Fassina, 1989), Pipe (Herzog & De Meuron, 2004), Collezione IN-EI (Issey Miyake, 2014), le quali hanno tutte ottenuto il prestigioso Premio Compasso d’Oro.

Le lampade Artemide si trovano esposte nei centri internazionali più importanti del design, compresi Musei e Collezioni private. Anche nel nostro store trovate un’importante selezione di prodotti Artemide.


Titolo

Torna in cima